Noi e i cani…ma quante pretese!

A cura di Sara Bandozzi – Istruttrice Cinofila Professionista Roma

Sara Bandozzi 3285962995

Come spesso si dice nel mio lavoro…sarebbe tutto più semplice se dovessimo trattare solo con i cani e non con i loro proprietari!!

 

Una specie di incrocio tra Lassie e Rex!

Una specie di incrocio tra Lassie e Rex!

Scherzi a parte, una cosa che cerco sempre di trasmettere loro è proprio questo concetto: troppe pretese! E molto spesso nemmeno ce ne accorgiamo… Mi sono resa conto che nella vita quotidiana ci si aspetta sempre troppo dagli amici a quattro zampe, dando per scontate un sacco di cose che, di conseguenza, vengono viste come “dovute”. In fin dei conti noi li abbiamo adottati, gli abbiamo dato una cuccia accogliente dove dormire, li nutriamo e li portiamo dal veterinario. Ovviamente lui in cambio dovrebbe fare il Cane…essere fedele, ubbidiente, aggressivo con gli estranei ma buono con amici e bambini, pendere dalle nostre labbra ed essere sempre pronto ad eseguire qualsiasi ordine…una sorta di incrocio tra Lassie e Rex…!

Ma vi siete mai fermati a considerare cosa in realtà facciamo noi per meritare tutto ciò??? Molto spesso ben poco… Siamo realmente consapevoli di quello che serve al nostro cane per vivere serenamente? Io credo che sia indispensabile riuscire a creare un giusto rapporto per potersi aspettare “qualcosa in cambio” dai nostri compagni canini. E per ottenerlo si passa inevitabilmente dalla quotidianità, dalle piccole cose che possiamo fare insieme a loro, dal soddisfacimento dei bisogni primari dei nostri amici a quattro zampe. Con questo non dovete pensare che sia necessario viziarli e concedergli tutto! Ma, semplicemente, bisogna occuparsi delle loro necessità. Anche perché lo stile di vita che gli abbiamo imposto non permette loro di farlo autonomamente.

Prima cosa (data troppo spesso per scontata) è l’alimentazione. Essere coscienti di quanti e quali tipi di pasti occorrono al nostro cane. Non fermatevi alla “marca di qualità” o al consiglio ricevuto al parco, ma informatevi seriamente circa quello di cui necessita il cane in base a stile di vita, razza ed età. Inoltre, un buon consiglio è quello di imparare a leggere le etichette. Il detto “noi siamo quello che mangiamo” vale anche per loro, ed una alimentazione sbagliata influisce sulla sua salute, sul suo comportamento e anche sul suo “umore”!

Seconda cosa importante è l’attività fisica e, quando possibile, una specifica attività ludica/sportivo/lavorativa. Informarsi e documentarsi prima di adottare un cane su quelle che sono le particolari esigenze legate ad alcune razze, e cercare sempre di scegliere un soggetto che possa adattarsi ai limiti della vita che potrete assicurargli. Per esperienza posso dire che troppo spesso i cani che incontro non fanno abbastanza moto (al di là delle specifiche esigenze). Non possiamo pensare che siano sufficienti tre passeggiate “igieniche” intorno al palazzo per nessun tipo di razza! Dobbiamo capire l’importanza della passeggiata sia dal punto di vista fisico che da quello relazionale e viverla come un momento di sfogo di energia per il nostro amico e come occasione per condividere la sua gioia (mai visto cani che corrono liberi e che non esprimano al meglio questo sentimento!). E’ un’occasione per rafforzare il nostro legame con  lui anche attraverso giochi e momenti di scambio e comunicazione. Oltre a questo, per alcune razze è quasi indispensabile poter svolgere un’attività che gli permetta di usare al meglio i loro  istinti e le loro attitudini. Quindi é nostra responsabilità dar loro l’opportunità di farlo frequentando un centro cinofilo.

Altra cosa importante è il gioco, strumento indispensabile (e molto piacevole) per creare un buon rapporto e per far

L'importanza del gioco nel rapporto con i nostri amici cani...

L’importanza del gioco nel rapporto con i nostri amici cani…

felice il nostro cane. Imparate a capire quali tipi di gioco preferisce e quali si adattano meglio ad entrambi, imparate anche a giocare correttamente (magari sotto la guida di un educatore) e…divertitevi!!! Quale modo migliore per consolidare un legame? Non contano il numero di giocattoli acquistati, ma il tempo e la voglia di condividerli (lo stesso principio che si dovrebbe applicare con un figlio)

Ultima necessità, ma non meno importante delle altre, è la vita sociale del nostro cane. Deve essere nostra premura occuparci della sua socializzazione fin da cucciolo e garantirgli per tutta la vita un’adeguata “compagnia canina” che gli permetta di vivere appieno la sua condizione di animale di branco. Che sia il cane del vicino, l’amico al parco o un secondo cane a casa non importa…purché sia rispettata la sua esigenza di stare con i suoi simili.

In conclusione, vi invito a valutare quante di queste cose fanno parte della vostra quotidianità, sperando di avervi fornito uno spunto di riflessione per guardare con occhi diversi la relazione con il vostro compagno canino.

 

Redazione DM.it